L’autore esamina la sentenza della Corte di Giustizia, 12 ottobre 2010, C-45/09 in materia di discriminazioni fondate sull’età e clausole di cessazione automatica del rapporto di lavoro per raggiungimento dell’età pensionabile. Viene evidenziato come anche la normativa italiana potrebbe violare l’art. 6, n. 1, della direttiva 2000/78 anche in relazione alle prescrizioni di altre direttive ed in particolare della direttiva 1999/70/CE in tema di contratti a termine, che pure prevede un principio di non discriminazione.

Età pensionabile e discriminazione in ragione dell’età

MOCELLA M
2011

Abstract

L’autore esamina la sentenza della Corte di Giustizia, 12 ottobre 2010, C-45/09 in materia di discriminazioni fondate sull’età e clausole di cessazione automatica del rapporto di lavoro per raggiungimento dell’età pensionabile. Viene evidenziato come anche la normativa italiana potrebbe violare l’art. 6, n. 1, della direttiva 2000/78 anche in relazione alle prescrizioni di altre direttive ed in particolare della direttiva 1999/70/CE in tema di contratti a termine, che pure prevede un principio di non discriminazione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12070/998
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact