Su una vicenda singolare in materia di serrata e di permessi retribuiti