Il lavoro prende ad esame la sentenza della Consulta con la quale é dichiarata l'illegittimità dell'art. 275, comma 3 c.p.p. in riferimento ai reati commessi con le condizioni mafiose. La pronuncia si colloca all'interno di una serie di pronunce che censurano gli automatismi in materia di scelta della cautela da parte del giudice, in ossequio ai canoni stabiliti agli artt. 3, 24 e 27 della Costituzione.

Sull'(in)adeguatezza della custodia inframuraria applicata ai delitti commessi avvendosi delle condizioni previste dall'art. 416-bis c.p. ovvero il punto di "non ritorno"

MARANDOLA A. A.
2013

Abstract

Il lavoro prende ad esame la sentenza della Consulta con la quale é dichiarata l'illegittimità dell'art. 275, comma 3 c.p.p. in riferimento ai reati commessi con le condizioni mafiose. La pronuncia si colloca all'interno di una serie di pronunce che censurano gli automatismi in materia di scelta della cautela da parte del giudice, in ossequio ai canoni stabiliti agli artt. 3, 24 e 27 della Costituzione.
misure cautelari; criteri di scelta; incostituzionalità
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12070/5437
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact