La funzione nomofilattica della Corte di cassazione tra mito e realtà