Sulla «indivisibilità» della quota ereditaria acquistata dal coerede in comunione legale