Il lavoro si propone di dimostrare l’incompatibilità tra la disciplina dell’impresa sociale introdotta con il d.lg. 24 marzo 2006, n. 155 e la disciplina degli enti associativi partecipativi e, in particolare, delle associazioni non riconosciute quale modello partecipativo “puro”. La rilevata antinomia fra democraticità ed efficienza nell’attività d’impresa conduce a distinguere la socialità dell’impresa dalla socialità del modello associativo senza tuttavia escludere ipotesi di collegamento tra interesse partecipativo e interesse produttivo.

«Impresa non lucrativa»: l'esercizio dell'attività d'impresa da parte degli enti associativi del primo libro del c.c

ALPINI A
2007

Abstract

Il lavoro si propone di dimostrare l’incompatibilità tra la disciplina dell’impresa sociale introdotta con il d.lg. 24 marzo 2006, n. 155 e la disciplina degli enti associativi partecipativi e, in particolare, delle associazioni non riconosciute quale modello partecipativo “puro”. La rilevata antinomia fra democraticità ed efficienza nell’attività d’impresa conduce a distinguere la socialità dell’impresa dalla socialità del modello associativo senza tuttavia escludere ipotesi di collegamento tra interesse partecipativo e interesse produttivo.
associazione; impresa; lucro; democraticità
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Impresa non lucrativa.pdf

non disponibili

Licenza: Non specificato
Dimensione 2.85 MB
Formato Adobe PDF
2.85 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12070/4373
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact