Crisi dell'unità europea e "standard retributivo"