Messi in evidenza i dubbi di legittimità costituzionale sull’art. 473 c.c., là dove si impone agli enti diversi dalle società l’accettazione dell’eredità con beneficio d’inventario, si prospetta una interpretazione costituzionalmente orientata della disposizione. Sul presupposto che un acquisto dell’eredità da parte di ente non è incompatibile con la responsabilità ultra vires, si propone di rinvenire nel divieto non una regola di validità, nel senso di determinare la nullità dell’accettazione pura e semplice, ma una semplice regola di comportamento, nel senso che la necessità dell’accettazione beneficiata assume esclusiva rilevanza nei rapporti tra ente e amministratori.

Accettazione di eredità devolute ad enti

LISELLA G
2010

Abstract

Messi in evidenza i dubbi di legittimità costituzionale sull’art. 473 c.c., là dove si impone agli enti diversi dalle società l’accettazione dell’eredità con beneficio d’inventario, si prospetta una interpretazione costituzionalmente orientata della disposizione. Sul presupposto che un acquisto dell’eredità da parte di ente non è incompatibile con la responsabilità ultra vires, si propone di rinvenire nel divieto non una regola di validità, nel senso di determinare la nullità dell’accettazione pura e semplice, ma una semplice regola di comportamento, nel senso che la necessità dell’accettazione beneficiata assume esclusiva rilevanza nei rapporti tra ente e amministratori.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
G. Lisella - Accettazione di eredità devolute ad Enti.pdf

non disponibili

Licenza: Non specificato
Dimensione 1.37 MB
Formato Adobe PDF
1.37 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12070/4094
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact