Il lavoro opera una costruzione normativa dell'evoluzione legislativa che ruota attorno alla scelta del legislatore di rafforzare il regime cautelare per il reato del narcotraffico operato in associazione, sviluppando talune riflessioni alla luce della censura operata dai giudici delle leggi di tale soluzione. L'elaborato prospetta i riflessi che una tale opzione determina sul versante della compatibilità costituzionale e sul versante della disciplina del trattamento processuale cautelare.

Associazione per il narcotraffico e negazione della "ragionevolezza" della carcerazione obbligatoria fra Corte costituzionale e Sezioni Unite

MARANDOLA A. A.
2011

Abstract

Il lavoro opera una costruzione normativa dell'evoluzione legislativa che ruota attorno alla scelta del legislatore di rafforzare il regime cautelare per il reato del narcotraffico operato in associazione, sviluppando talune riflessioni alla luce della censura operata dai giudici delle leggi di tale soluzione. L'elaborato prospetta i riflessi che una tale opzione determina sul versante della compatibilità costituzionale e sul versante della disciplina del trattamento processuale cautelare.
presunzione assoluta del carcere; narcotraffico; processo cautelare
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12070/2961
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact