Una sanzione "assoluta": tra approcci formali ed istanze ermeneutiche "sostanziali"