Il diritto alla contraddittorio quale modalità di tutela della persona che sta eseguendo una misura cautelare é la questione che viene affrontata nel lavoro. Accanto ad una dottrina fedele al canoni di tutela della libertà individuale e della presunzione di innocenza, si segnala una discutibile posizione giurisprudenziale che per intuibili ragioni di tutela delle esigenze cautelari é contraria all'atto della modifica del regime cautelare in corso ad assicurare il diritto indicato in premessa. L'alaborato individua criteri e parametri normativi e costituzionali che sminuiscono la portata dell'esegesi adottata dalla prassi.

Anche la sostituzione ed il cumulo delle misure cautelari ex art. 276, comma 1, c.p.p. impongono il contraddittorio "differito"

MARANDOLA A. A.
2007

Abstract

Il diritto alla contraddittorio quale modalità di tutela della persona che sta eseguendo una misura cautelare é la questione che viene affrontata nel lavoro. Accanto ad una dottrina fedele al canoni di tutela della libertà individuale e della presunzione di innocenza, si segnala una discutibile posizione giurisprudenziale che per intuibili ragioni di tutela delle esigenze cautelari é contraria all'atto della modifica del regime cautelare in corso ad assicurare il diritto indicato in premessa. L'alaborato individua criteri e parametri normativi e costituzionali che sminuiscono la portata dell'esegesi adottata dalla prassi.
irrigidimento cautelare; diritto di difesa; esigenze cautelari
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
cass. pen. 2007 n 09.pdf

non disponibili

Licenza: Non specificato
Dimensione 4.69 MB
Formato Adobe PDF
4.69 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.12070/2369
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact