Riflessioni su un caso di mobilità interaziendale