Riassunto L'utilizzo di una procedura più rigorosa nella definizione delle componenti della rimanenza magnetica di lave vesuviane ha fornito utili contributi sulla comprensione della storia eruttiva del vulcano. In particolare: si dimostra, al di là di ogni dubbio, che l'evento del 1631 d.C. è stato caratterizzato da una importante fase effusiva; si definisce per la prima volta una parte del tratto medioevale della curva di variazione secolare.

Datazioni paleomagnetiche di lave vesuviane

RUSSO F;
1995

Abstract

Riassunto L'utilizzo di una procedura più rigorosa nella definizione delle componenti della rimanenza magnetica di lave vesuviane ha fornito utili contributi sulla comprensione della storia eruttiva del vulcano. In particolare: si dimostra, al di là di ogni dubbio, che l'evento del 1631 d.C. è stato caratterizzato da una importante fase effusiva; si definisce per la prima volta una parte del tratto medioevale della curva di variazione secolare.
Stratigrafia vulcanica, Stratigrafia magnetica, Eruzioni vesuviane, Somma-Vesuvio, Napoli.; Volcanic stratigraphy, Magnetic stratigraphic, Vesuvian eruptions, Somma-Vesuvius, Naples, Southern Italy.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Gialanella et al. – Datazioni paleomagnetiche ecc. – V Conf. Sc. Ann. 1995.pdf

non disponibili

Licenza: Non specificato
Dimensione 835.36 kB
Formato Adobe PDF
835.36 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.12070/13525
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact